Clarksdale and the Devil Blues

11938893_1018986708133099_993923142_n(1) 


  
  
  
  

Ripartito da Natchez risalgo ancora il mississipi,direzione Clarksdale,il paesaggio e’ molto bello,attraverso intere piantagioni di cotone e naturalmente guido ancora sotto un diluvio universale.

Finalmente arrivo nella cittadina e dopo un po di relax mi fiondo subito nel locale famoso Ground Zero,la zona e’ un po’ al degrado,cosa che avro’ ben chiaro la mattina al museo Delta blues.

Il locale e’ cool,ascolto un buon live di rock/blues mi piace molto,ci sono tante chitarre appese in giro,tutte autografate da artisti famosi ..yeah !! La mattina mi dirigo al museo Delta Blues l’origine dell’odierno Blues,nato dai poveri lavoratori di colore nelle piantagioni di cotone,molto bello e moderno,ci sono muddy waters,jhonny lee hooker ma il piu famoso e’ robert johnson,da cui si e’ ispirato eric clapton.Leggenda vuole che robert johnson abbia fatto un patto col diavolo e lo abbia incontrato ad un crossroad,consegnandogli chitarra e abilita’ tecniche..muore misteriosamente a soli 27 anni.inoltre blue in inglese signica malinconico e to have the blue devils,indica l’essere molto triste.Altra location da non perdere e’ il Cat Head store,il cui proprietario ha lasciato tutto x aprire questa piccola attivita’ per riportare il blues qui sul delta del mississipi… E vivere con poco… Wow !!! Great !! Blues a go go con “me and the devil blues” versione Eric Clapton.

Annunci